mercoledì 31 ottobre 2012

Foto: "Non c’è inizio né fine, esiste solo l’infinita passione."

Federico Fellini

PEANUTS


...COME QUANDO FUORI PIOVE

ho portato la macchina dal carrozziere per farle cambiare il vetro davanti:quando piove(e specie col buio) non si vede una benemerita minchia e io porto pure gli occhiali!

alle 16,30 è pronta,dice il Signor Carrozziere.

alle 16 30 fuori c'era IL NUBIFRAGIO.

devo andare,per forza,mia sorella aspetta un passaggio per andare a fare la spesa alla Coop...devo andare a riprendere la macchina...

chissà se trovo qualcuno che mi dà un passaggio,il Signor Carrozziere ha la carrozzeria ben lontana da casa mia.

ovvio,non c'è NESSUNO  a cui chiedere un passaggio...CHE IDIOTA,NON LO SAPEVO GIA'?

VADO.

bardata a dovere (stivali bikkemberg da soldato germanico,piumino con cappuccio,sciarpona e ombrello),VADO.

attraverso il corso sfidando vento,pioggia torrenziale e freddo...ne vale la pena:riavrò a breve la mia macchina col vetro nuovo e finalmente non dovrò più preoccuparmi quando devo guidare di notte con la pioggia.

arrivo lì,e vedo che il Signor Carrozziere,e il suo fido fratello L'Altro Carrozziere,stanno ancora lavorando al mio cesso di macchina.

"Eh,non è ancora pronta,torna tra un paio d'ore"dice uno dei due,serafico,e pure scocciato.
COME SCUSI???TRA UN PAIO D'ORE???MA NON ERA PRONTA PER LE QUATTROEMEZZA???

sconsolata e sconfitta,torno a casa.
sono bagnata dalla testa ai piedi e quel che è peggio,è che alle sei e mezzo dovrò rifare tutta la traversata,di nuovo.

ho in mente diverse parolacce che avrei potuto dire ma che ho solo pensato...

IL NUBIFRAGIO NON ACCENNA A SCEMARE.
MOLTO,MOLTO BENE.

loneliness


linkin park


merini

”Lei desiderava un sorriso.
Una musica muta.
Una riva di mare. Per bagnarsi.
Il suo amore impossibile.
I suoi piedi nudi e piagati.

I suoi meschini capelli.
Lei ignorava che il ricordo
è un ferro piantato alla porta.
Non sapeva nulla.
Della perfezione del passato,
del massacro delle notti solitarie.
Non sapeva che il più grande desiderio
è un niente che s’inventa stranissime cose”

(Alda Merini)

paradise


in sintesi

allora,cerchiamo di stare calme e ragioniamo.

continua  a scrivermi che VUOLE PARLARE,anche se sinceramente non capisco di cosa.
mi parla di ETICA,e a me viene da ridere:da che pulpito!
è sicuro che tra qualche giorno mi sarò calmata,e allora accetterò di vederlo per "chiarire".
io mi devo chiarire solo con me stessa,e so già che questa storia è CHIUSA.

mi sono fidata di lui,e forse ho fatto un po' troppo la mamma:lui si è sentito al calduccio e al sicuro,e ha pensato che fosse amore...

è un'ipotesi.

cmq,se lo piglio gli faccio male.

meglio che sia lontano.
ma mica è scemo,certo che sta lontano.
non telefona nemmeno:scrive sms.
scaltro....

martedì 30 ottobre 2012

sono caduta di nuovo...

oggi seduta dalla psy.
ho portato i fazzoletti,prevedendo cedimenti e lacrime.
lei dice che non capisce,non si può dire TI AMO a qualcuno e due settimane dopo andare in crisi perchè una ex telefona.
no,non si può.

io ho detto che non lo voglio vedere,nonostante lui insista a dire che deve parlarmi di alcune cose (ma di cosa,cazzo,cosa???) perchè potrei anche menarlo.
giuro.

me ne ha fatte passare davvero di tutti i colori,e quando alla fine sembravamo aver raggiunto un certo equilibrio,e le cose andavano non bene,ma di più,mi arriva 'sta tegola.

SHAME ON YOU,BASTARD.
SHAME ON YOU.

lo so,lo dico tutte le volte:basta con gli uomini che tanto so' tutti uguali.
nevrotici,narcisi,fragili,spaventati,oppure egocentrici e misogini.

ma stavolta,mi fermo sul serio.
non mi fido proprio più.

I believed in you,well I was wrong


lunedì 29 ottobre 2012

lapsus

scrive:
"ci siamo pentiti,ma non ci siamo rivisti"
e io:
"ti sei pentito?allora torna da lei,ma non da me!"
e lui:
"ma non mi sono pentito di niente!voglio solo capire cosa succede!"
(gli rimando l'sms che poco prima mi ha spedito)
"no,devo aver sbagliato: volevo scrivere SENTITI,non PENTITI"
(quando si dice un lapsus freudiano...con complicità del T9)

de Saint-Exupery

Certo che ti farò del male____ Certo che me ne farai_
Certo che ce ne faremo_____ 
Ma questa è la condizione stessa dell’esistenza_____ 
Farsi primavera, significa accettare il rischio dell’inverno_____ 
Farsi presenza, significa accettare il rischio dell’assenza



Antoine de Saint-Exupéry

GREEN DAYS


lunedì,e non solo

hai presente quelle mattine in cui non vorresti nemmeno aprire gli occhi per evitare di affrontare il mondo,la vita...la realtà?
sì,oggi è una di quelle mattine.
ho dovuto aprirli per forza gli occhi,ma mi sento spezzata,svuotata,furiosa,infelice.

so che non tornerà da me,e credo anche di capirlo,ma...io ho paura di non farcela,stavolta,a buttarmi tutto alle spalle.
ho faticato tanto per costruire questo rapporto con lui,ci ho messo fatica e tempo e dedizione, per fidarmi davvero.
e poi,LA VITA,mi fa questo scherzo.
cosa dovrebbe insegnarmi tutto ciò?

NON LO SO PIU'.

gli ho mandato un sms stamattina per dirgli di venirsi a riprendere presto i cd che ha lasciato qui.
nessuna risposta.
ieri sono stata molto cattiva con lui.
ma potevo esserlo anche di più.

in fondo,so cosa vuol dire rivedere un vecchio amore e scoprire che il cuore batte ancora forte come allora,standogli vicino.

e quindi?
devo solo aspettare che questo dolore-stupore passi.
e passi presto.

sotto choc


Ecco,mi sento sotto choc.
Lui ha detto:non mi criminalizzare,sono cose che accadono,nella vita.
Accidenti,sì.
Quello che mi deprime è la sua mancanza di sincerità e correttezza:avrebbe dovuto avvisarmi che quando ci siamo conosciuti lui era ancora “dentro”una storia chiusa da poco,ma effettivamente non conclusa…sì,perché”ci siamo lasciati ma innamorati”.
Ah,capisco.
Quello che non capisco è come si possa dire ti amo a qualcuno e dopo una settimana dire “no,forse amo un’altra,che c’era prima di te”.
Non sono nemmeno riuscita a piangere quando me lo ha detto.
Poi gli ho mandato degli sms molto incazzati.
Già,perché oltre tutti i momenti di crisi attraversati durante questi otto mesi di frequentazione(e io ogni volta cercavo di fargli capire che forse non eravamo fatti uno per l’altra,ma lui niente,non mollava!)gli ho anche prestato una bella somma di denaro.
Me li ha chiesti,sapevo che ne aveva bisogno,glieli ho dati.
Oggi gli ho scritto che li rivoglio SUBITO(glieli ho dati quattro mesi fa).
Ovvio che non me li può ridare adesso,non li ha.
Ma la mia rabbia doveva pur esprimersi concretamente in qualche modo.
Tra alti e bassi,tra liti e baci,la nostra storia sembrava aver raggiunto un discreto grado di stabilità e sintonia.
Gli volevo(gli voglio)bene,e ora sono sola qui a cercare di superare questa "tranvata"inattesa,e non me ne faccio ancora una ragione.
Mi lasciava biglietti sul cruscotto della macchina,mi aspettava fuori da scuola per farmi una sorpresa,veniva a casa mia tutte le sere appena finito in piscina…per farmi (e avere) un po’ di coccole.
Non capisco.
Non capirò mai come è possibile.
Gli ho detto che non lo voglio più vedere né sentire,ma è più che ovvio che tornerà con lei e di me si dimenticherà nel giro di qualche giorno.
Un amore che lui diceva grande come il mondo,è finito nell’arco di una settimana.
Non mi innamorerò mai più,giuro.

domenica 28 ottobre 2012

THE END

dopo una settimana di latitanza,finalmente O.si fa vivo e dice:passo a trovarti.
bene,finalmente!vorrei spiegargli che non può sparire e riapparire come vuole...sono stanca di "ascoltare"le sue spiegazioni,A POSTERIORI.

prima mi dice "pranziamo insieme",poi dice "no,ho da fare,vengo nel pomeriggio"
va bene.
sono andata da mio padre,a cercare un po' di "calore umano"in questa giornata gelida,livida,orrenda.
mi sono vestita alla meno peggio,e sono andata su.

poi,alle due ero già qui di nuovo,a casa,e ho mandato un sms ad O.per dirgli che ero tornata.

arriva alle tre e un quarto.
io GIURO,ho capito subito che c'era qlc che non andava...dai suoi occhi,dal modo che ha avuto di entrare,dal fatto che non mi ha chiesto il solito bacino di benvenuto.

ci sediamo sul divano,come sempre,vicini,la mia gamba sinistra tocca la sua destra.

"quanti guai ti sto dando,eh stefy..."dice,e mi guarda sorridendo.
"mi dici quello che mi devi dire?"
"sì,ora ti dico"
"mi devo preoccupare?"
"sì"risponde e ride...non è uno scherzo:MI DEVO PREOCCUPARE.

racconta che l'unica bugia che mi ha detto è stata sul fatto che dopo la separazione non avesse avuto altre storie:falso,ne ha avuta una di due anni.
UNA STORIA GRANDE,IMPORTANTE.
"ci siamo lasciati ma da innamorati",spiega...e io so cosa vuol dire.
racconta che anche per me sente qulcosa di forte ma allora perchè è in crisi e non sa cosa fare?

lo so io il perchè: perchè LEI E'ANCORA DENTRO IL SUO CUORE.

GIURO.MI E' CROLLATO IL MONDO ADDOSSO.
l'ultima persona dalla quale mi sarei aspettata una bugia del genere era lui.

ora ho scritto un sms alla mia amica Laura,sperando che mi richiamasse...NIENTE.
ho scritto alla mia psy,chiedendole se la posso chiamare...sono nel panico...ma anche la psy,NIENTE.

l'ho buttato fuori di casa,O.
letteralmente.
"quando ti è passata la rabbia,cerchiamo di chiarirci"ha detto mentre io tenevo la porta aperta e non lo guardavo.
"vattene O."
ho chiuso la porta dietro di lui,tre giri di chiave.

E ADESSO?
.......................................................................AIUTO....................................................

LUNA


“Ha un suo silenzio la luna, diverso dal silenzio della notte,
la notte è un respiro sospeso che sussurra di argento”


“Ha un suo silenzio la luna, diverso dal silenzio della notte, 
la notte è un respiro sospeso che sussurra di argento”
Buonanotte A-mici, a domani ...<3

venerdì 26 ottobre 2012

fall is coming

Notte passata a girarmi nel letto,con le mani che continuamente si addormentavano,la preoccupazione per la mia bambina (ha quasi 14 anni ma sempre bambina è),che non sta bene.
notte passata nel dormiveglia,a chiedermi come mai.
ieri mi hai scritto un sms la mattina,laconico...un po'irritante,perchè sembra che sono solo io a sentire i "VUOTI" in questa storia.
volevo prendermi un giorno e stare a casa,a letto:DORMIRE.
ieri è stata una giornata di quelle pesanti,ed evidentemente le mie energie sono in riserva.
sono a terra.
per tutta la settimana ti ho visto solo due volte,per pochi minuti.
lo so,sei indaffarato con il trasloco,ma allora perchè quando io dico che "sono sola"tu mi rispondi con veemenza che NON E'COSI'?

giornate tutte uguali,senza scopo.
giornate fatte di lavoro,casa,cucina,letto,sonno.

ho addosso quello stordimento tipico del cambio di stagione,a cui non riesco,NON RIESCO,ad abituarmi.
ora che potrei mettermi di tutto,non ho nè soldi nè voglia di andare a fare shopping,e nessuno che mi accompagni.
E' triste fare shopping da soli.
Almeno per me....

S.è in ospedale,e dopo il blitz di quella domenica di cui ancora non capisco il senso,è praticamente scomparso.Quotidianamente mi aggiorna sulle sue condizioni fisiche,ma solo se gli chiedo (via sms) COME STAI.
Altrimenti,niente.

MI SENTO FUORI DAL MONDO...UN MONDO CHE NON CAPISCO PIU'...CHE NON MI PIACE PIU'...CHE NON MI INTERESSA PIU'.

E tutto questo è DEJA' VU..............................................................................................





prevert


Lasciate entrare il cane coperto di fango,
si può lavare il cane e si può lavare il fango.
Ma quelli che non amano nè il cane, nè il fango
Quelli no
Non si possono lavare
( Jacques Prevert)



sabato 20 ottobre 2012

gatti neri

(dal web)

sogni


Se il tuo sogno è bello, dagli forma come il torrente scava le sponde; come il vento che vive e si trasforma.
E perché tutto risulti come tu vuoi, detta tu stesso le tue regole e converti il tuo autunno in primavera.


Ivan Malinowski


attraversare oceani


NON RIUSCIRAI MAI AD ATTRAVERSARE L'OCEANO FINCHE' NON AVRAI IL CORAGGIO DI PERDERE DI VISTA LA RIVA...

mercoledì 17 ottobre 2012

Le persone sono come le vetrate colorate: brillano e scintillano quando fuori c'è il sole, ma al calar delle tenebre viene rivelata la loro vera bellezza solo se è accesa una luce dall'interno.

F.Pes
soa

martedì 16 ottobre 2012

Alessandro Mazzà

C'è gente che, a forza di sognare, s'è 

addormentata.

i bambini e l'amore

-L’amore è quando esci a mangiare e dai un sacco di patatine fritte a qualcuno senza volere che l’altro le dia a te. (Gianluca, 6 anni)
-Quando nonna aveva l’artrite e non poteva mettersi più lo smalto, nonno lo faceva per lei anche se aveva l’artrite pure lui. Questo è l’amore. (Rebecca, 8 anni)
-L’amore è quando la ragazza si mette il profumo, il ragazzo il dopobarba, poi escono insieme per annusarsi. (Martina, 5 anni)
-L’amore è la prima cosa che si sente, prima che arrivi la cattiveria. (Carlo, 5 anni)
-L’amore è quando qualcuno ti fa del male e tu sei molto arrabbiato, ma non strilli per non farlo piangere. (Susanna, 5 anni)
-L’amore è quella cosa che ci fa sorridere quando siamo stanchi. (Tommaso, 4 anni)
-L’amore è quando mamma fa il caffè per papà e lo assaggia prima per assicurarsi che sia buono. (Daniele, 7 anni)
-L’amore è quando mamma dà a papà il pezzo più buono del pollo. (Elena, 5 anni)
-L’amore è quando il mio cane mi lecca la faccia, anche se l’ho lasciato solo tutta la giornata. (Anna Maria, 4 anni)
-Non bisogna mai dire “Ti amo” se non è vero. Ma se è vero bisogna dirlo tante volte. Le persone dimenticano. (Jessica, 8 anni)”

lunedì 15 ottobre 2012

citazione

Bisogna accettare, e poi agire. Qualunque cosa comporti il momento presente, dovete accettarlo come se l’aveste scelto voi. Dovete sempre operare con il momento presente, non contro di esso. Fatene il vostro amico e alleato, non il vostro nemico. Così si trasformerà miracolosamente l’intera vostra vita.
(E. Tolle, Il Potere di adesso)

SHINE ON YOU CRAZY DIAMOND(LIVE)


domenica 14 ottobre 2012

uomo d'acqua dolce

grazie ad alessandro,che l'ha postato su fb...e io l'ho ri-postato qui.
GRANDE ALBANESE!!!!

martedì 9 ottobre 2012

avvertenze

Conservare il cuore in luogo asciutto,
al riparo dai temporali non improvvisi e dalle
piogge acide di lacrime,


dai ladri e dagli assassini
di tempo e di parole,

dall’inganno dei giorni,
dalla comprensione degli altri,
dalle emozioni non violente.

Alessandro Mazzà

nuovo diario dell'assenza, XXVII


padroni di rallegrarci già del sole di domani
solo perché è lo stesso di oggi

cosa aspettiamo mentre oggi non viviamo

non facciamo strade nuove se non
per buttare occhi o lacrime
sulle vecchie


siamo legati a questo pianeta morente
per potergli lasciare
un qualche nostro segno che morirà con lui

... quanto a me la domanda è: vivrò abbastanza
per cosa

ogni volta deciso infine ad arrendermi/dormire
non torno quasi mai indietro
se non
per una (con una) parola

Alessandro Mazzà


FOTO di Monica Parisi

domenica 7 ottobre 2012

moby


einstein

‎"La logica vi porterà da A a B.
L'immaginazione vi porterà dappertutto..."

(Albert Einstein) 

libro del silenzio


..Non stare troppo vicina, non devo desiderarti, non stare troppo lontana, non voglio non mancarti, non smettere di venirmi incontro, non so da dove finire, non mostrarmi la fine di una strada, che tanto anche tu non la sai.

Libro del Silenzio
Alessandro Mazzà


FOTO di Monica Parisi

martedì 2 ottobre 2012

senzaparole

non scrivo,
non posso,
non so...
successo di tutto,
è accaduto l'inatteso,
o forse troppo atteso..?
ora ho quel senso
lieve
di vertigine
che danno le cose
a lungo sognate,
e poi
abbandonate...
che tornano,
a scompigliare
piani di
quieta rassegnazione.

bisogna fidarsi della vita:
lei,
ne sa più di noi...
                                                                 
                                                                         


requiem


tutte le terre conquistate
tutto quel che c’è da sapere
tutto quel che c’è che fa male

un arcipelago di parole sanguinose
che combattono per stare a galla

e io le osservo zitto
zitto come un pescesogno
(Requiem)
Alessandro Mazzà
FOTO di Monica Parisi