giovedì 26 dicembre 2013

IL GATTO E IL VENTO

Il gatto esamina il lungo filo colorato ed invisibile di cui è fatto il vento.

Ernest Thompson

LOVE YOU BETTER...



I will love you better
 Better when I’m old
 I will love you better when I’m old
 I will wrap my arms around you
 And keep you from the cold
 I will love you better when I’m old
 
 I will love you better
 Better when I’m blind
 I will love you better when I’m blind
 ‘Cause you’ll always be a beauty
 Living in my mind
 I will love you better when I’m blind
 
 When the rain is falling on the roof
 And the stars are hid from view
 When the moon is just a scar of light
 And the sky, a purple bruise
 I will wait here in the window
 ‘Til you come back again
 I will love you better then
 
 I will love you better
 Better when I’m gone
 I will love you better when I’m gone
 You’ll be filling out the quiet
 Playing like a song
 I will love you better when I’m gone
 
 When the world is frozen over
 And the oceans are on fire
 When the darkness overpowers light
 And the angels muted choir
 I will hide here in the meadows
 ‘Til you find me again
 I will love you better then
 
 I will love you best
 Best when I forgive
 I will love you best when I forgive
 Cause you made your promises
 Not a one of them you kept
 I will love you best when I forget, when I forget
 I will love you better then

sabato 14 dicembre 2013

saggezza

Provare risentimento è come bere veleno sperando che ciò uccida il nemico.

Nelson Mandela

lunedì 2 dicembre 2013

DUBBI, E ANCORA DUBBI...

un altro lunedì.
in un certo senso meglio della domenica.
perchè la domenica è sempre quel giorno maledetto bastardo odioso che NON PASSA MAI.

le ore mi gocciolano addosso, lente, pesanti, appiccicose...
faccio finta che tutto vada bene, soprattutto faccio finta con me stessa.
ma non è così.

se dovesse squillare il telefono, non risponderei nemmeno.
a cosa servirebbe?
ma tanto nessuno mi chiama, mi cerca, anche perchè io non cerco e non chiamo nessuno.

ieri mi è successo che, nel mio girovagare su fb in cerca di animali abbandonati bisognosi di una famiglia e di una casa, ho trovato LUI.
gli occhi: identici.
lo sguardo: identico.
il colore: molto simile, in foto quasi uguale, ma probabilmene più chiaro.
l'espressione: identica.
il nome: identico.

si chiama Chicco e ha sette mesi.
si trova a Milano e cerca una casa.
BELLISSIMO.
emozione fortissima...
non ci capivo più niente, era lui, no...gli somigliava molto ma non era lui...LO ADOTTO SUBITO.

ho già due gatti, come qualcuno saprà.
Alù è il cucciolo arrivato a fine maggio, ed è un vero terremoto.
la povera Trilli non ha pace, lui vorrebbe giocare a mordersi e rotolarsi per terra ma lei è anziana e vuole solo starsene tranquilla.
e così sono soffi, miagolii, capocciate date sul pavimento durante le lotte furibonde, perchè la micia si è stufata di questo rompiscatole sempre tra i piedi...cioè,TRA LE ZAMPE...

chiedo a mia figlia, un parere, le faccio vedere la foto, resta  senza parole...E' VERO, SEMBRA LUI...
mi guarda e mi dice : NO,NON LO PRENDIAMO.
perchè?
perchè no.

PERCHE' NO.

Sì, lo so...tre gatti sono tanti, aumentano le spese, aumentano i problemi di convivenza, aumentano le preoccupazioni...gli animali vanno curati, seguiti, gli animali, come le persone, si ammalano...a volte gravemente.

ho scritto alla volontaria che ha in stallo il piccolo.
mi dice che è buonissimo e timido...che si è ben integrato con gli altri mici che lei ha in casa, seppur con gradualità, perchè è appunto molto timoroso.

le scrivo che le farò sapere presto, e le spiego la situazione tra i miei due mici.
non vorrei complicarmi la vita, le dico.

ho chiesto consiglio a tre amiche gattofile.
due mi hanno detto PRENDILO, segui l'istinto, ma ricorda che LUI NON E' IL MICIO CHE HAI PERSO.
una mi ha consigliato di pensare bene, prima di sconvolgere una situazione che ora è,in qualche modo, in equilibrio, seppur precario...

sto pensando.
se fossi sola, lo prenderei.
ma mia figlia dice no...
PERCHE' DICE NO?